Sondaggio

Switch off, passaggio dall'analogico alla tv digitale, ti senti sufficientemente informato?

  • Sì, la campagna informativa è stata adeguata (43%, 107 Votes)
  • Nì, temo che i più anziani o distratti saranno in difficoltà (21%, 52 Votes)
  • No, poca o confusa (20%, 49 Votes)
  • Non so, non mi interessa (16%, 43 Votes)

Votanti: 251

Loading ... Loading ...

 

gennaio: 2009
L M M G V S D
« dic   feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Categorie

Commenti recenti

Link

Proposta di legge Valducci-Napoli per la soppressione di enti territoriali intermedi e trasferimento delle relative funzioni

gennaio 29th, 2009

In merito alla discussione sulla semplificazione amministrativa dei diversi livelli di governo esistenti in Italia, spesso si assiste ad una fiera delle ipocrisie e delle mezze verità, si auspicano abolizioni senza poi proporre il relativo trasferimento delle funzioni, è però fresca di oggi una intelligente proposta di legge avanzata dai deputati Mario Valducci e Osvaldo Napoli di cui intendo promuoverne la discussione, di seguito il testo della proposta.

PROPOSTA DI LEGGE
D’iniziativa dei deputati Mario Valducci, Osvaldo Napoli
Soppressione di enti territoriali intermedi e trasferimento delle relative funzioni

——–


Onorevoli Colleghi! La difficile condizione della finanza pubblica, determinate soprattutto dalla stagnazione economica, a sua volta causata dalla crisi finanziaria ed economica internazionale, impone scelte rigorose per l’eliminazione delle spese inutili o, comunque, non sufficientemente produttive, di prestazioni e servizi per i cittadini al fine di concentrare le risorse finanziarie pubbliche nei settori più importanti sotto il profilo dello sviluppo economico, sociale e civile del Paese.La crescita eccessiva di enti decentrati e locali in Italia, costituisce uno dei motivi principali della polemica in corso sui costi amministrativi e della politica, oltre a rappresentare uno sviluppo perverso dei concetti di decentramento, di prossimità e di sussidiarietà che caratterizzano il dibattito politico. Le inchieste di stampa e le analisi di diversi organismi di studio hanno posto in evidenza, al di là delle deviazioni e degli sperperi, come in ogni caso tutto ciò costituisca un fattore di aggravio di spesa, confusione nella ripartizione dei ruoli e delle funzioni e di aumento della pressione fiscale complessiva.Spesso, analizzando i bilanci queste strutture, è evidente come circa la metà dei fondi sia destinata alle spese di funzionamento e solo una minima parte sia ridistribuita ai cittadini, sotto forma di servizi e di opere pubbliche.La proposta che sottoponiamo all’attenzione del Parlamento provvede a sfoltire drasticamente un’ampia serie di organismi ed enti territoriali o funzionali decentrati affidandone i compiti ai comuni, alle province o alle regioni. Sono così soppressi: le comunità montane, le circoscrizioni comunali, i consorzi dei bacini imbriferi montani (BIM), gli enti parco regionali, i consorzi di bonifica, gli enti strumentali e le agenzie regionali e le Autorità d’ambito territoriale (ATO) in materia di servizi idrici. Una norma finale invita le regioni a statuto speciale e le province autonome ad adeguarsi alle nuove disposizioni di legge, pena la riduzione del Fondo ordinario degli enti locali, secondo quanto già stabilito dalla Finanziaria per il 2008.

Al di là delle parole, con una semplice tabella illustriamo l’evidenza di quanto detto:


Comunità montane 356

Bacini imbriferi montani (BIM) 63

Consorzi di bonifica 191

Enti parco regionali 138

Autorità d’ambito territoriale (ATO) 91

Enti strumentali regionali 600

Circoscrizioni comunali 344 (continua…)

Podcast di “Microfono Aperto” del 28 gennaio 2009, si parla dell’Anno Europeo dell’Innovazione e dei progetti Wi-Max per l’estensione della banda larga nelle zone pedemontane della provincia

gennaio 28th, 2009

A questo indirizzo la puntata di “Microfono aperto sui giovani e l’innovazione in Provincia” trasmessa su Stella FM mercoledì 28 gennaio 2009.

Ascolta il podcast della puntata:

Stella FM, Microfono aperto – 28 gennaio

2009 Anno Europeo dell’Innovazione e della Creatività (European Year of Innovation and Creativity – EYCI)

gennaio 28th, 2009

Cari amici,

buone notizie: ogni anno l’UE sceglie un tema per una campagna di sensibilizzazione su un argomento specifico. Il 2008 è stato l’Anno Europeo del dialogo interculturale, il 2009 è quello della Creatività e dell’Innovazione!

L’anno europeo per l’innovazione e la creatività (European Year of Innovation and Creativity – EYCI) mira ad accrescere la consapevolezza dell’importanza della creatività e dell’innovazione in quanto competenze chiave per lo sviluppo personale, sociale ed economico. Sottolineando la creatività e l’innovazione, l’UE mira a dar forma al futuro dell’Europa in un contesto di concorrenza globale stimolando in tutti noi il potenziale creativo e innovativo. Come nei precedenti anni europei, saranno varate campagne di promozione, eventi e iniziative a livello europeo, nazionale, regionale e locale.

Nel mondo di oggi la prosperità richiede rapidità nell’innovazione. Nel suo passaggio ad un’economia basata sulla conoscenza, l’UE è quindi obbligata a sviluppare il suo potenziale creativo. In particolare, gli europei dovranno essere aperti al cambiamento e mostrarsi ricettivi verso le nuove strategie.
L’EYCI è un’iniziativa orizzontale che si riallaccia e coinvolge vari aspetti: oltre a quelli riguardanti l’istruzione e la cultura, esso comprende le politiche d’impresa, quelle regionali e della ricerca.

Il sito internet dell’Anno europeo per la creatività e l’innovazione ospiterà, nel corso del 2009, tutte le iniziative ad esso dedicate: verranno pubblicizzate le iniziative locali e nazionali. In particolare, verranno organizzate in tutti gli Stati membri campagne e dibattiti pubblici, conferenze, progetti e mostre per favorire riflessioni e scambi di idee sul tema.

Noi vogliamo fare la nostra parte!

Stop al cloro nell’acqua di Arzignano, un risultato concreto della nostra interrogazione

gennaio 27th, 2009

Arzignano. Stop al cloro nell’acqua con i raggi ultravioletti

L’INTERVENTO. “Acque del Chiampo” al lavoro a San Zeno dopo l’allarme di autunno

In località Grumello sarà realizzato il Centro idrico Via libera alla disinfezione In funzione un nuovo pozzo

Stop al cloro nell’acqua

Risolto definitivamente il caso che lo scorso autunno aveva provocato una certa apprensione in merito alla sicurezza dell’acqua nella zona di San Zeno, ecco giungere un’altra positiva notizia per la qualità della risorsa idrica. A breve Acque del Chiampo effettuerà una serie di interventi che permetteranno di eliminare il fastidioso odore di cloro che a volte caratterizza l’acque che sgorga dai rubinetti della zona nord della città.
La parola fine all’allarme che si era registrato lo scorso autunno, quando da un rubinetto della scuola di San Zeno era uscita acqua contenente un’eccessiva carica batterica, è stata posta anche sul piano politico. Attraverso un’interrogazione presentata dal capogruppo di Forza Italia Andrea Pellizzari, infatti, la vicenda è stata chiarita nei dettagli anche in Consiglio comunale, dove è stato reso noto che a breve, grazie a un intervento tecnico, sparirà anche il sapore di cloro che a volte caratterizza l’acqua che sgorga dai rubinetti dell’area compresa tra Chiampo e Arzignano.
Pellizzari chiedeva informazioni sulle analisi dell’acqua erogata nella zona di San Zeno, quella cioè che era stata interessata dall’ordinanza di limitazione dell’uso della risorsa fintanto che da parte dell’Ulss 5 e di Acque del Chiampo non erano giunte rassicurazioni circa l’assenza di rischi. Il sindaco Stefano Fracasso ha risposto con i dati forniti da Acque del Chiampo, aggiungendo che l’azienda ha in programma alcuni interventi che miglioreranno anche il sapore dell’acqua.
In località Grumello, nel Comune di Chiampo, funziona il pozzo che serve la parte sud di Chiampo e tutta la zona nord di Arzignano: qui è attivo un sistema di disinfezione dell’acqua in base a ipoclorito di sodio, che a volte caratterizza l’acqua che sgorga dai rubinetti con il tipico e fastidioso odore e sapore di cloro.
È qui che sarà realizzato un Centro idrico che prevede un trattamento dell’acqua con raggi ultravioletti, molto più affidabile e che consentirà una riduzione nel dosaggio di ipoclorito. Oltre al più moderno ed efficace sistema di disinfezione, la realizzazione del Centro idrico in zona Grumello prevede anche la messa in funzione del pozzo 1: il pozzo 3, attualmente in uso, resterà di scorta, mentre il 2, inefficiente, è stato già eliminato.
Con gli interventi previsti da Acque del Chiampo, dunque, è destinata ad aumentare la qualità dell’acqua che attraverso la rete idrica comunale serve la parte sud di Chiampo e i quartieri San Zeno e Main e la zona dell’ospedale ad Arzignano.

Luis Mansilla a Vicenza, workshop di architettura e conclusione in cava Cengelle a Grancona

gennaio 26th, 2009

Sabato 24 gennaio ho avuto il piacere di partecipare alla fase finale del workshop “Vicenza città dell’architettura” organizzato da Abacoarchitettura in collaborazione con l’Assessore del Comune di Vicenza Francesca Lazzari, l’Ordine degli Architetti della Provincia di Vicenza e l’associazione Giovani Architetti.

Assistere alla lezione del geniale architetto Luis Mansilla e concludere il pomeriggio presso la cava di pietra Cengelle a Grancona è stata un’esperienza molto stimolante ed arricchente, complimenti agli organizzatori.

Di seguito alcuni momenti nella suggestiva location di cava Cengelle a Grancona:

Il comizio è su internet. Boom di politici su web

gennaio 24th, 2009

Papa Benedetto XVI: internet dono per l’umanità ma va condiviso

gennaio 23rd, 2009

Un importante contributo alla discussione che anche su questo blog stiamo sviluppando da molto tempo lo dà oggi il Santo Padre con l’intervento che pubblichiamo di seguito.

E’ significativo che anche un’istituzione come la Chiesa si interroghi su un fenomeno come la Rete attorniato da pregiudizi, ricco di opportunità per le persone ma anche, come ogni strumento, di insidie. Solo la cultura ed un poco di tecnica possono aiutarci a cogliere i lati positivi ed evitarne quelli negativi. E’ il senso del progetto sotteso a “Vicenza 2.0″ e sono molto lieto che il Papa e la Chiesa, notoriamente austera e restia alle “mode”, ma al contempo maestra di comunicazione alle Genti, abbia scelto di esprimersi.

Ecco un estratto dal sito dell’Ansa:

CITTA’ DEL VATICANO – Pare che papa Ratzinger non disdegni l’uso di internet, almeno a quanto afferma il suo ‘ministro delle comunicazioni’, il mons. Claudio Maria Celli; di certo, è consapevole delle sue potenzialità, e ritiene quelle buone superiori alle cattive. E per la prima volta nella storia della Santa Sede, ha dedicato l’intero suo messaggio per la 43esima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali all’argomento, definendo le nuove tecnologie mediatiche “un vero dono per l’umanità”.

Benedetto XVI ne apprezza la velocità e l’efficienza, ma soprattutto la capacità di rispondere “al desiderio fondamentale delle persone di entrare in rapporto le une con le altre”, un desiderio innato alle quali le tecnologie non fanno che fornire un nuovo strumento, in grado di favorire contatti, amicizia, arricchimento morale e materiale, di cui papa Ratzinger fornisce alcune ‘istruzioni per l’usò. (continua…)

Podcast di “Microfono Aperto” del 21 gennaio 2009, si parla dello sportello “Mutuo insieme”, un’idea della Provincia per aiutare gli utenti nella scelta dei mutui bancari

gennaio 23rd, 2009

A questo indirizzo la puntata di “Microfono aperto sui giovani e l’innovazione in Provincia” trasmessa su Stella FM mercoledì 21 gennaio 2009.

Ascolta il podcast della puntata:

Stella FM, Microfono aperto – 21 gennaio

“The Internet Show- Codice Internet” a Vicenza, 15 gennaio 2009, estratto video della serata con Marco Montemagno

gennaio 23rd, 2009

Un estratto dell’intervento fatto a Vicenza, per maggiori info:

http://www.codiceinternet.it/profiles/blogs/codice-internet-a-vicenza-15

De brevitate, la sintesi come virtù nel web

gennaio 19th, 2009

In questi giorni le riflessioni sul web, un folgorante aforisma di Blaise Pascal ed alcune conversazioni con amici mi hanno indotto a riflettere sulle influenze del web nei confronti della scrittura, butto giù alcune impressioni sparpagliate, corroborate da alcuni appunti trovati sul sito www.mestierediscrivere.com che invito a visitare e che auspico informino anche lo stile di questo blog:

Mi scuso per la lunghezza della mia lettera, ma non ho avuto il tempo di scriverne una più breve“.

Così Blaise Pascal, intorno al 1656, apriva una tra le più note delle sue Lettres Provinciales e la provocante suggestione di questo acutissimo pensiero ritengo debba valere come manifesto per chiunque abbia in mano “penna, carta e calamaio”.


Anche la comunicazione online, limitata dal piccolo spazio dello schermo, ci richiede di essere brevi. Certo, possiamo scrollare, e quando l’argomento ci interessa lo facciamo volentieri, ma se il testo supera le cinque o sei pagine, la cosa diventa pesante. Per noi e per il nostro computer, che fa fatica a scaricarlo.
E’ un limite? Secondo Giorgio De Rienzo, professore di letteratura italiana all’università di Torino, Internet può essere invece una bella occasione di riscatto per la parola scritta.
In un suo recente articolo sulla rivista Telèma, De Rienzo sostiene che la semplificazione del linguaggio richiesta da Internet può essere addirittura salutare. “Semplificazione, si badi bene, non intesa come faciloneria ma come specificità e come pulizia di linguaggio, quasi come una rifondazione di uno strumento comunicativo fondamentale, di cui per superficialità e improvvisazione (e magari per eccesso di spettacolarità di invenzione) si è finito di smarrire il senso morale”.
E qui De Rienzo ci invita a rifarci alla lezione di Manzoni, fautore di una lingua scritta fatta soprattutto di
proprietà e chiarezza.
La semplicità e la chiarezza della comunicazione online, quindi, come antidoto al bla bla sciatto e senza fine del linguaggio televisivo.

Ad Arzignano appalti poco chiari…

gennaio 18th, 2009

“The Internet Show” con Marco Montemagno a Vicenza: grande successo, esperimento riuscito!

gennaio 17th, 2009

Montemagno al Teatro Nuovo di Vicenza ha presentato il programma amico Eldy in un coinvolgente flusso di immagini e dati e ammaliato tutti i presenti con uno spettacolo coinvolgente ed istruttivo, di seguito alcune immagini:

(continua…)

Anche navigare diventa show: Codice Internet a Vicenza

gennaio 17th, 2009

Podcast di “Microfono Aperto” del 14 gennaio 2009, si parla di “The Internet Show” – Codice Internet con Marco Montemagno a Vicenza il 15 gennaio presso il Nuovo Teatro

gennaio 16th, 2009

A questo indirizzo la puntata di “Microfono aperto sui giovani e l’innovazione in Provincia” trasmessa su Stella FM mercoledì 14 gennaio 2009.

Ascolta il podcast della puntata:

Stella FM, Microfono aperto – 14 gennaio

“The Internet Show” – Codice Internet con Marco Montemagno a Vicenza il 15 gennaio presso il Nuovo Teatro Comunale

gennaio 8th, 2009

Siamo lieti di ospitare in città l’evento “The Internet Show – Codice Internet” con Marco Montemagno che si inserisce nel progetto “VICENZA 2.0″ ed ha il COMPITO DI AVVICINARE INTERNET ALLE PERSONE in maniera gratuita, facile ed intuitiva, con un’attenzione particolare alle differenti fasce demografiche (giovani, adulti, terza età, famiglie, ecc…), al fine di informare sugli argomenti di carattere generale, ma anche e soprattutto sui servizi alla persona resi disponibili grazie alla Rete.

Spesso infatti la conoscenza diffusa di Internet è piena di pregiudizi, paure o di idee errate o confuse. Questo internet-show ha anche lo scopo di fare un po’ di chiarezza.

Sono convinto infatti che tra le “leve” disponibili per l’attuazione di un moderno processo di cambiamento sociale, politico e culturale, vi siano le tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

L’ingresso è libero, fino ad esaurimento dei posti.

Consigliamo di prenotare inviando una mail a ufficio.innovazione@provincia.vicenza.it oppure telefonando in orario di ufficio al numero 0444 908111

Per maggiori informazioni:

-> Scarica la brochure della manifestazione in PDF <-




Collegati alla pagina di Youtube

pagina youtube andrea pellizzari



Collegati alla pagina di Facebook

pagina youtube andrea pellizzari




Andrea Pellizzari Giovani


Sky3c Sponsored by Web Hosting