Sondaggio

Switch off, passaggio dall'analogico alla tv digitale, ti senti sufficientemente informato?

  • Sì, la campagna informativa è stata adeguata (43%, 107 Votes)
  • Nì, temo che i più anziani o distratti saranno in difficoltà (21%, 52 Votes)
  • No, poca o confusa (20%, 49 Votes)
  • Non so, non mi interessa (16%, 43 Votes)

Votanti: 251

Loading ... Loading ...

 

aprile: 2017
L M M G V S D
« gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Categorie

Commenti recenti

Link

Open Government in tre mosse

aprile 2nd, 2013

Open Government

Rilancio una riflessione dell’ottimo Ernesto Belisario che nel suo blog evidenzia la potenza evocativa di questa immagine realizzata da Armel Le Coz e Cyril Lage della rete DemocratieOuverte.org . Anche in questo caso le immagini hanno una capacità divulgativa (se ben concepite) superiore a tomi di pagine scritte.

ArzignanoDialoga.it supera la soglia dei 1000 amici!

settembre 17th, 2012

Importante traguardo per il portale comunale ArzignanoDialoga.it dopo il vaglio iniziato con grande entusiasmo e fiducia nella P.A. 2.0: oltre mille le persone iscritte alla newsletter che grazie ad una semplice e-mail gratuita informa sulle notizie della città di Arzignano. Oltre 75.600 le visualizzazioni di pagina!
Inoltre altre importanti novità: Arzignano News24 – la videata dinamica, sempre aggiornata, ideale per essere proiettata nei luoghi aperti al pubblico ed essere informati sulla vita della città!

Settanta km di fibra ottica nel vicentino grazie all’impegno di Ministero, Regione, Provincia e Comuni

giugno 16th, 2011

Settanta chilometri di fibra ottica nel vicentino grazie al finanziamento di 12 milioni di Regione Veneto e Ministero per lo Sviluppo Economico.
Quindici i Comuni interessati (Agugliaro, Arcugnano, Arzignano, Barbarano Vicentino, Bressanvido, Camisano Vicentino, Castegnero, Gambellara, Grumolo delle Abbadesse, Malo, Monteviale, Salcedo, San Germano dei Berici, Schiavon, Schio) mentre alla Provincia spetta il compito di coordinare enti locali e istituzioni coinvolte, comprese le aziende municipalizzate che si occupano dei sottoservizi, in modo da facilitare e velocizzare le operazioni di scavo e di posa in opera. Un ruolo già positivamente sperimentato con il progetto di estensione della banda larga attraverso il WiMax in alcune aree non coperte del territorio (aree a c.d. Obiettivo 2 e fallimento di mercato).

Rispondiamo ad un’esigenza dei cittadini che sempre più, per studio e per lavoro, hanno necessità di navigare velocemente in rete. Il rischio, in caso contrario, è di rimanere fuori dal mercato globalizzato, con evidenti ricadute sia in termini economici che sociali. Un rischio messo in luce nei giorni scorsi anche dall’AgCom, l’Autorità per le Comunicazioni, che ha evidenziato come gli italiani siano ai primi posti per la navigazione in rete via telefonino o chiavetta, ma sull’orlo della retrocessione in serie B per numero di abitazioni connesse in banda larga sia mobile che fissa.

Questa mattina abbiamo chiamato a raccolta tutti i protagonisti del progetto per fare il punto della situazione. Palpabile era l’entusiasmo dei Sindaci dei Comuni dove verrà posata la fibra ottica, che potranno finalmente mettere i concittadini nelle condizioni di accedere alla rete in maniera veloce. Alcuni Comuni provvederanno in prima persona alla posa dei cavidotti dove già ci sono lavori in corso. In questo modo avremo un’economia di scala che ci permetterà di avere soldi a disposizione da reinvestire sul territorio, magari anche aumentando il numero dei Comuni a cui fornire la banda larga.

La nuova rete sarà pronta, indicativamente, tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. Sarà una rete pubblica, a disposizione di tutti gli operatori che erogano servizi di telecomunicazione ai quali verrà messa a disposizione una connessione a 20 mega, portando quindi un beneficio a lungo termine e rispondendo al mercato dei prossimi 10 anni.

Sondaggio elettorale SWG: gradimento del sindaco di Arzignano Giorgio Gentilin a due anni di mandato

giugno 11th, 2011

A due anni dall’inizio del mandato del sindaco di Arzignano Giorgio Gentilin un sondaggio ne valuta il gradimento tra i cittadini, di seguito il link alla pagina del Corriere Vicentino che lo pubblica con i commenti della SWG (società che lo ha realizzato).

Interessanti gli esiti, ma soprattutto le valutazioni statistiche espresse.

Tratto da http://www.corrierevicentino.it/2011/06/sondaggio-swg-il-gradimento-del-sindaco.html

Apertura ad Arzignano di uno Sportello Badanti presso il Centro per l’impiego della Provincia

giugno 10th, 2011

Lo sportello badanti raddoppia e affianca alla sede centrale di Vicenza una sede decentrata ad Arzignano, ospitata nei locali del Centro per l’Impiego in via Diaz.

“Una decisione –precisa l’assessore al lavoro Morena Martini- dettata dall’esigenza di rispondere ad un numero sempre più elevato di famiglie alla ricerca di un assistente per gli anziani o i disabili. Un momento delicato per l’intero nucleo famigliare, che affida ad uno sconosciuto un proprio caro in situazione di fragilità.”

La Provincia di Vicenza quindi, con Veneto Lavoro e la Regione Veneto, si affianca alle famiglie e le guida non solo nella scelta dell’assistente, ma anche nella gestione del rapporto di lavoro. Parallelamente, lo sportello badanti è a disposizione di chi offre la propria opera, favorendo l’incrocio di domanda-offerta e creando occupazione. Oltre agli incontri personalizzati, lo sportello gestisce anche una banca dati accessibile a tutti sul sito www.euriclea.it dove si possono trovare i curricula degli aspiranti badanti, comprensivi di provenienza e attività professionale pregressa.

Attualmente, spiega il dirigente di Veneto Lavoro Giorgio Gardonio, si contano in Veneto oltre 70mila badanti, donne per il 95% dei casi, con regolare contratto di lavoro. L’80% sono stranieri, perlopiù provenienti dai Paesi dell’Est Europa, dalla Moldavia, dall’Ucraina e dalla Romania, ma gli italiani sono in aumento, spinti forse anche dalla crisi economica.

Nella banca dati dei lavoratori disponibili si contano 7.372 profili, 1.300 dei quali residenti nel vicentino e 50 nella sola Arzignano. “Quando abbiamo deciso di rafforzare il servizio –commenta Andrea Pellizzari, assessore provinciale agli sportelli decentrati- abbiamo scelto il territorio della ulss 5, molto ampio e con flussi notevoli di lavoratori. Qui c’è tanto lavoro e tanto siamo pronti a farne, interpretando il servizio di assistenza alla famiglia come un compito delicato in cui l’intervento del pubblico deve essere di garanzia ai privati in una scelta importante quanto delicata.”

Lo sportello badanti di Arzignano è aperto ogni martedì dalle 9 alle 12 e al pomeriggio (solo su appuntamento) dalle 14 alle 17.30.

“Siamo operativi da pochi giorni –afferma la responsabile del Centro per l’Impiego di Arzignano Lisa Lora- ma sono già tante le persone che ci hanno contattato, molte delle quali per avere consulenza e assistenza in merito alla gestione del rapporto di lavoro, ai sussidi di tipo economico ed operativo, al contratto da applicare nel rispetto della normativa.”

Il servizio è, naturalmente, gratuito.

Progetto “Giovani e meno giovani in Rete”, vincitori e premiazioni!

giugno 9th, 2011

anna bianco, nicol apolloni, alessia bevilacqua, andrea pellizzari

Oggi si sono svolte le premiazioni del progetto “Giovani e meno giovani in rete”, una cascata di premi, di sorrisi, complimenti ma soprattutto tanta soddisfazione hanno travolto i giovani tutor vicentini che hanno partecipato al progetto intergenerazioanle.
All’Itis Galilei di Arzignano sono stati presentati i risultati del progetto e si sono svolte le premiazioni finali della scuola, dell’insegnante e dei tutor che si sono maggiormente impegnati nell’iniziativa.
Le adesioni al progetto sono state positive con 200 ragazzi tutor e ben 300 adulti volenterosi di imparare una materia completamente nuova ed innovativa, quella di Internet e delle nuove tecnologie!!!
Sebbene tutti i tutor siano i veri vincitori morali dell’iniziativa, perchè con un pizzico di pazienza e di buona volontà hanno portato a casa la soddisfazione e l’entusiasmo impagabile dei propri allievi, vi sveliamo ora i vincitori ufficiali dell’edizione!

1^ scuola classificata:
Itis Galilei di Arzignano con 80 studenti coinvolti
Premio: LIM (offerto dallo sponsor Intervideo)

1^ prof. classificato:
Prof. Vulgaris (Itis Galilei)
Premio: Netbook (offerto dallo sponsor Spidi)

Tutor:
1°: Nicol Apolloni (Ceccato, 22 alunni) – premio: Ipad (offerto dallo sponsor Spidi)
2°: Liz Sanchez (Remondini, 12 alunni) – premio: Back protector Spidi (offerto dallo sponsor Spidi)
3°: Daiana Beltramello (Remondini, 9 alunni) – premio: Back protector Spidi (offerto dallo sponsor Spidi)
4° : Matteo Sitara (Galilei, 8 alunni)
5°: Michele Chierchia (Galilei,7 alunni)
6°: Marco Imboccioli (Pigafetta, 6 alunni)
7°: Lorenzo Marchelluzzo (Galilei, 4 alunni)
8°: Vojslav Josic (Ceccato, 4 alunni)
9°: Alberto Piazza (Ceccato, 3 alunni)
10°: Laura Gallio, Christian Rezk, Martina Capalbo, Giulia Ziliotto (Remondini)

I tutor classificati dal 4° al 10°posto hanno vinto una bellissima felpa Spidi offerta dall’omonimo sponsor!

“Giovani e meno giovani in Rete”, il progetto fa tappa al Liceo Da Vinci di Arzignano

gennaio 29th, 2011

Pellizzari e Bianco di fronte alla platea di rappresentanti dell'Istituto Da Vinci di Arzignano

Ecco il resoconto del Corriere Vicentino.

Alleanza per l’innovazione tra le Province Venete e il Ministro Renato Brunetta

gennaio 28th, 2011

(da sx a dx) pellizzari, virgili, bottacin, degani, brunetta, muraro, zaccariotto, miozzi

Sottoscritto oggi a Padova un protocollo d’intesa tra il Ministero per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione e l’Unione Regionale delle Province del Veneto con l’obiettivo di realizzare un programma di interventi che porti all’innovazione tecnologica nell’azione e nei servizi degli enti pubblici.  Presenti il ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, la presidente della Provincia di Padova Barbara Degani, il presidente della provincia di Treviso e dell’Urpv Leonardo Muraro e i presidenti delle Province di Rovigo Tiziana Michela Virgili, di Venezia Francesca Zaccariotto, di Belluno Gianpaolo Bottacin e di Verona Giovanni Mozzi ed il sottoscritto come assessore all’innovazione per la Provincia di Vicenza.
Questo protocollo, come riporta una nota della Provincia di Padova, risponde a tre criteri per i quali il ministro Brunetta ha chiesto la collaborazione delle Province. “Attraverso questa intesa – ha detto – mettiamo a disposizione gli strumenti per diffondere il Decreto legislativo 150 del 2009 che riguarda l’efficienza, la trasparenza e la lotta alla corruzione nella Pubblica amministrazione. Inoltre viene data attuazione al Codice amministrativo digitale favorendo l’utilizzo delle nuove tecnologie come la posta elettronica certificata, l’albo pretorio online, la comunicazione elettronica e tutti i servizi che le Province sono chiamate ad ottemperare da qui in avanti. Infine, il protocollo punta alla semplificazione attraverso la possibilità di fruire di servizi come i certificati medici online”. Il ministro ha inoltre evidenziato che “Questa rivoluzione non può essere portata a termine senza le Province perché danno supporto soprattutto ai piccoli Comuni per favorire una grande rivoluzione che porterà benefici a tutti cittadini”.
Tra i primi cambiamenti, si prevede la digitalizzazione dell’albo pretorio che potrà essere consultato in via telematica.

Per la Provincia di Vicenza si tratta in realtà di una seconda tappa di un percorso già iniziato a marzo del 2009, quando in Villa Cordellina il Ministro Brunetta ha firmato il protocollo “Innovazione” con il Presidente Schneck e dato l’avvio a tre progetti ” Mettiamoci la faccia, Reti Amiche e Linee Amiche” facendo diventare Vicenza, secondo le parole del Ministro, “il primo polo italiano di sperimentazione della nuova riforma della pubblica amministrazione“.

Alcuni servizi che adesso diventano obbligatori, quali per esempio l’albo pretorio on line, è da noi già attivo con soddisfazione da anni, analogo discorso per i processi di dematerializzazione dei documenti (che solo nei primi due anni ci han fatto risparmiare oltre 115.000 fogli di carta oltre a toner, stampanti, fotocopie, affrancature) e le procedure di iscrizione on line (che solo nel caso della Dichiarazione di Immediata Disponibilità degli insegnanti precari è stata scelta da ben 722 insegnanti su 1620 interessati con punte percentuali molto alte in alcune zone del vicentino, come a Lonigo, dove l’ha utilizzata il 61% degli utenti, ad Arzignano il 57% e a Vicenza il 56%), così come l’auspicato servizio di avvocatura a favore dei Comuni più piccoli, entrambi già premiati dallo stesso Ministro Brunetta con il concorso “Premiamo i Risultati”.

Switch off in provincia di Vicenza, dall’analogico alla tv digitale

novembre 24th, 2010
Nando il  telecomando

Nando il telecomando, la mascotte dello switch off

Tra il 30 novembre ed il 1° dicembre il territorio della provincia di Vicenza passerà alla ricezione dei canali televisivi con il sistema digitale terrestre. La Televisione Digitale Terrestre sigla DTT, che deriva dal termine inglese Digital Terrestrial Television, non è altro che la trasmissione del segnale televisivo rappresentato in forma digitale. E’ un’importante innovazione tecnologica che nella nostra provincia interesserà e coinvolgerà in questo cambiamento quasi 400mila famiglie. (continua…)

Eldy in Rosa, successo di adesioni

novembre 21st, 2010
Eldy in Rosa

Corsiste del programma Eldy in Rosa

4 lezioni dal 28/10 al 18/11 dalle ore 14,30 alle 17,30

La Provincia di Vicenza in collaborazione con i comuni di Arzignano, Bassano del Grappa, Nove e con L’Associazione Eldy Onlus ha promosso corsi di alfabetizzazione informatica per favorire l’integrazione delle donne al computer. Obiettivo: PC e uso della Rete diventino facile per tutti, anche per i meno “smanettoni”!

Eldy in rosa si è prefissa lo scopo di coinvolgere le donne vicentine, siano esse casalinghe, imprenditrici, studentesse, immigrate per consentire loro di sfruttare al meglio le possibilità che la Rete può offrire. Ed il risultato è stato sorprendente!

Messaggio ai giovani di Marco Mengoni in occasione del concerto di solidarietà pro Aisla

ottobre 9th, 2010

Tributo a Janis Joplin di Marco Mengoni, live da Arzignano

ottobre 4th, 2010

Esattamente 40 anni fa, il 4 ottobre del 1970, si spegneva in California una delle più grande voci “blues” della storia del rock, Janis Joplin. Ecco il tributo che Marco Mengoni ha voluto dedicarle in occasione del concerto pro Aisla di Arzignano.

Grazie Marco!

Inaugurazione in piazza ad Arzignano della “Free Wi-Fi Zone” assieme al camper del progetto Eldy

settembre 16th, 2010

Free Wi Fi Zone

Con grande soddisfazione oggi abbiamo inaugurato in piazza ad Arzignano la nuova wi-fi free zone e la città diventa ancora più web 2.0!

Merito dell’assessore all’innovazione Mattia Pieropan che ha lavorato duramente per questo obiettivo che si aggiunge ad altri già conseguiti nella strada della modernità e della interazione tra cittadini e amministrazione, ma soprattutto tra la Città ed il Mondo! Al contempo si valorizzano le splendide piazze della città, rendendole più fruibili e vivibili.

Lo facciamo assieme agli anziani e al camper multimediale del progetto Eldy, attraverso il quale già imparano ad usare il computer ed internet, che saranno i primi a testare il servizio che inauguriamo e che attraverso un sms, con il quale sarà fornita una password, consentirà di navigare per due ore di connessione gratuita offerte dal Comune grazie ad un accordo con la ditta Telemar.

Con Provincia e Regione arriva la Banda Larga in Alta Valle del Chiampo

agosto 10th, 2010

Soddisfazione per come procede il progetto di riduzione del digital divide tramite l’estensione della Banda Larga nelle zone più svantaggiate della provincia grazie all’accordo con la Regione Veneto di cui abbiamo dato conto nei mesi scorsi. Qui si delinea lo stato del servizio nei comuni dell’Alta Valle del Chiampo che, grazie all’interessamento dei sindaci di Altissimo, Crespadoro, San Pietro Mussolino, Nogarole e del consigliere provinciale Massimo Confente, hanno sempre seguito con attenzione ed interesse il progetto della Provincia.

Ecco il risultato del simpatico sondaggio che ha spopolato nei giorni scorsi! :-)

luglio 11th, 2010

Ecco il podio del “Quizzone estivo” che premia gli Assessori di Arzignano!

Dal Giornale di Vicenza di Domenica 11 Luglio 2010:

Ad un anno dalle elezioni Enrico Marcigaglia è l’assessore che “ha lavorato di più”. Così certificano i 359 voti che l’assessore alla sicurezza si è meritano nel sondaggio virtuale inaugurato una settimana fa sul blog del consigliere Andrea pellizzari. Senza pretese di scientificità, l’inchiesta sul web è nata come ironico test per verificare il gradimento dei cittadini sui sette assessori e ha convito ben 1301 votati ad esprimersi. Secondo in classifica con 350 voti Massimo Signorin, assessore all’urbanistica; terza posizione per Mattia Pieropan, assessore alla cultura con 208 voti; 196 preferenze per Angelo Frigo, assessore ai lavori pubblici, 74 per Carmelo Bordin, assessore a viabilità e verde pubblico, 70 per Alessia Bevilacqua, assessore al sociale, 44 per Beatrice Marchezzolo che si occupa di bilancio e istruzione. S.C.

Un esperimento riuscito! Ultime ore per votare il sondaggio, chiusura prevista sabato alle 13! :)

luglio 9th, 2010

Nato un po’ per caso, questo simpatico sondaggio semiserio ha riscosso un successo inaspettato a giudicare dagli accessi e dal risalto dei media, qui di seguito i dati di accesso schizzati ampiamente oltre quota millecinquecento in pochi giorni, domani si chiude alle ore 13, vediamo chi vincerà la sfida! :-)

Il voto on line agli assessori. frigo si conferma in testa, Giornale di Vicenza, 07_luglio_2010

On line sondaggio sul gradimento dei sette assessori, Giornale di Vicenza, 06_luglio_2010

I tre articoli del Giornale di Vicenza dedicati al giochino estivo :)

Un successo oltre ogni previsione. Come dimostrano i numeri d’accesso al sito, estrapolati da Google Analytics.

Ad un anno dalle elezioni amministrative di Arzignano, un po’ per gioco, un sondaggio per verificare l’operatività della giunta Gentilin

luglio 3rd, 2010

(da sx a dx) frigo, pieropan, signorin, marchezzolo, bordin, gentilin, bevilacqua, marcigaglia

Facciamo un piccolo test di gradimento: a quasi un anno dal varo della giunta di Arzignano, chi è l'assessore che ha lavorato di più?

  • L'assessore alla Sicurezza e Polizia Locale Enrico Marcigaglia (28%, 359 Votes)
  • Il Vice Sindaco e assessore all'Urbanistica Massimo Signorin (27%, 350 Votes)
  • L'assessore alla Cultura e Innovazione Mattia Pieropan (16%, 208 Votes)
  • L'assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzioni Angelo Frigo (15%, 196 Votes)
  • L'assessore alla Viabilità e Verde Pubblico Carmelo Bordin (6%, 74 Votes)
  • L'assessore al Sociale e Pari Opportunità Alessia Bevilacqua (5%, 70 Votes)
  • L'assessore al Bilancio e Istruzione Beatrice Marchezzolo (3%, 44 Votes)

Votanti: 1.301

Loading ... Loading ...

PS
per vedere gli assessori e le competenze vi rimando al sito del comune facendo click qui

Appello ai candidati alle prossime elezioni regionali: un impegno concreto a favore dell’estensione della Banda Larga a tutti i Comuni del Veneto entro il 2012

febbraio 27th, 2010

Qui di seguito il testo dell’appello che ho scritto e condiviso con Michele Vianello e Gigi Cogo.

Vi chiedo di condividere, please! :-)

A tale scopo abbiamo aperto un wiki all’indirizzo: http://appellobandalarga.wikispaces.com
e anche un gruppo di Facebook:
qui il gruppo su Facebook, aderite, please!

La “banda larga per tutti” non è uno slogan e non è neppure un vezzo per la rincorsa al “io vado più veloce”.

Internet a banda larga è oggi una necessità e l’Italia, su questo, ha già accumulato un ritardo strutturale rispetto ad altri paesi.

Per capirci: quando si parla di banda larga si intende, nell’accezione comune, quella almeno da 2 megabyte, che non è poi tanto “larga”, ad essere onesti…

Ma accontentiamoci: se questo obiettivo di minima diventasse “per tutti” sarebbe già un grande successo per la democrazia digitale veneta.

Questo darebbe a tutti i cittadini accesso alle informazioni e ai servizi digitali superando il cd divario digitale che ancora oggi classifica cittadini di seria A e di serie B.

Tradotta sul piano pratico significa maggiori opportunità di business per le aziende, digitalizzazione e dematerializzazione delle pratiche della pubblica amministrazione e, alla fine, servizi migliori e più accessibili per gli utenti.

In altre nazioni europee come la Finlandia è stato recentemente sancito come un diritto di tutti i cittadini che verrà esteso addirittura ai 100 Megabyte per tutti dal 2015 (e in Corea del Sud è già così…). Tutto questo mentre Google negli Stati Uniti sperimenta già con successo l’1 Gigabyte al secondo su fibra ottica, pianificando che in pochi anni coprirà tutti gli USA.

L’obiettivo della banda larga a 2 megabyte per ogni cittadino del Veneto deve essere un imperativo categorico per qualsiasi candidato alla prossime elezioni regionali. (continua…)

Facebook non è il bar dello sport. Web 2.0 e Pubblica Amministrazione

febbraio 8th, 2010

Qualche mese fa ci siamo interrogati sul motivo per cui in molti continuino ad utilizzare in modo assolutamente disinvolto uno strumento che solo all’apparenza può apparire “superficiale” ma che invece, per ragioni legate alla sua diffusione e alla sua capacità di inventarsi come strumento complementare o supplente a quelli tradizionali di informazione e comunicazione, è una sorta di moderno agorà multimediale privo di confini ma anche, purtroppo, di adeguate regole. Le regole in realtà ci sarebbero, codificate in quello che gli utenti più accorti chiamano netiquette, quello che manca è un’adeguata preparazione di chi ne fa uso, tanto più grave se si tratta di un ente pubblico che per sua natura ha doveri istituzionali che si sommano a quelli di ogni normale cittadino. Assistiamo infatti ad un continuo fiorire di account riferibili alla Pubblica Amministrazione (sia essa locale o centrale), tutta protesa ad interpretare la vocazione all’interazione e alla bidirezionalità evocata dalla formula del 2.0. Se questo da un lato è auspicabile perchè foriero di un rinnovato rapporto tra cittadino ed istituzione improntato all’innovazione e alla trasparenza, dall’altro lato produce effetti spesso grotteschi e rapide disillusioni.

Patologie del “web 2.0 all’amatriciana”

Non è infrequente, infatti, che le bacheche di molti Enti presenti nei social networks restino improvvisamente vuote e non presidiate, che il rapporto instaurato con i cittadini-friends in particolari occasioni (preelettorali o in concomitanza con qualche particolare avvenimento o manifestazione) diventi all’improvviso muto con evidente frustrazione di chi vi aveva rinvenuto un nuovo canale di comunicazione con il sempre filtratissimo mondo della pubblica amministrazione, oppure altrettanto imbarazzante è il caso in cui il c.d. community manager che sovrintende l’account e le informazioni in esso riversate non sia adeguatamente formato e competente e interpreti il mezzo nella migliore delle ipotesi come un “deposito indistinto” di comunicati stampa.

Quesiti aperti

Del tutto inesplorato ed affidato alla sensibilità individuale è la disciplina dei criteri selettivi delle richieste di friendship: accettare tutti? Escludere chi a priori intenda nel proprio avatar o nei propri messaggi veicolare promozione commerciale o politica o, peggio ancora, diffondere messaggi di istigazione all’odio o discriminatori? Sottoporre ad un vaglio post accettazione anche chi a prima vista rispettasse i criteri per poi discostarsene in un secondo momento? Questa è tutta una partita aperta su cui non esistono soluzioni definitive.

Prestazioni minime standard per una corretta presenza 2.0 della P.A.

Per questa ragione ritengo utile oltre che doveroso da parte della P.A. esplorare questo nuovo mondo, ma solo in presenza di un presidio costante e qualificato, che aggiorni con regolarità le informazioni veicolate e che risponda a tutti gli interventi dei cittadini entro tempi da standard internet (24-48 ore) e non da Testo Unico sugli Enti Locali (30-60 giorni e silenzio assenso…), che sulle informazioni dell’account ci sia un’immagine istituzionale ed un riferimento inequivocabile all’Ente e al funzionario incaricato che consenta all’utente di verificare l’autenticità dell’interlocutore (onde evitare il fenomeno persistente di clonazione delle identità).

L’esperienza di Vicenza 2.0

Molte delle considerazioni esposte nascono dall’esperienza maturata sul campo attraverso i progetti innovativi della Provincia di Vicenza, dopo quasi un anno dall’apertura dell’account Facebook e al superamento della soglia dei 3000 utenti. Abbiamo avvicinato questi canali di comunicazione e informazione innovativi con grande umiltà e con un pizzico di timore, non esistevano nel campo della P.A. delle esperienze di riferimento, quindi il monito “maneggiare con cura” campeggiava quotidiniamente, assieme però alla volontà di rompere il tradizionale pregiudizio che identifica la P.A. con un plantigrado incapace di adattarsi velocemente ai mutamenti tecnologici e financo di costume, oggi internet rappresenta un’opportunità per rendere più trasparente, diretto, efficace ed economico il rapporto con il cittadino, perciò abbiamo raccolto la sfida ed accanto ad un approccio empirico abbiamo affiancato uno teso all’approfondimento culturale e tecnologico, a tal proposito abbiamo realizzato appuntamenti divulgativi sulla cultura della rete (la tappa veneta di Codice Internet), redatto un manifesto denominato Vicenza 2.0 e contribuito alla stesura e diffusione del Manifesto di Amministrare 2.0.

Revolución o muerte

Il lavoro da fare è ancora molto, ma la percezione attuale è che non si tratti più di sperimentazioni da avanguardisti, ma di farsi interpreti di un profondo mutamento, di una vera e propria rivoluzione digitale, che molti cittadini, in particolari i più giovani c.d. “nativi digitali”, hanno già metabolizzato. Gli amministratori pubblici e le loro organizzazioni devono smettere i panni della burocrazia tutta carta e ceralacca, altrimenti diventeranno solo icone del passato da omaggiare nei musei come i busti di Cavour e di Mazzini. Chi oggi prenota i propri viaggi attraverso internet, acquista i jeans negli Usa attraverso eBay, chatta con gli amici da ogni parte del mondo con Skype, comunica con i social networks, etc NON può ammettere che porzioni considerevoli della propria vita siano governate da procedure astruse e gestite con mezzi antidiluviani, le politiche di E-gov descritte dall’allora Ministro Lucio Stanca con il codice di amministrazione digitale rappresentano la piattaforma per una rivoluzione della Pubblica Amministrazione che non ha alternative, pena la sua soccombenza di fronte alle aspettative di cittadini sempre più digitali e di strumenti tecnici sempre più accessibili e dall’indubbia efficacia!

Sos Arzignano e Arzignano Dialoga sono online

dicembre 10th, 2009

Pagina successiva »




Collegati alla pagina di Youtube

pagina youtube andrea pellizzari



Collegati alla pagina di Facebook

pagina youtube andrea pellizzari




Andrea Pellizzari Giovani


Sky3c Sponsored by Web Hosting