Sondaggio

Switch off, passaggio dall'analogico alla tv digitale, ti senti sufficientemente informato?

  • Sì, la campagna informativa è stata adeguata (43%, 107 Votes)
  • Nì, temo che i più anziani o distratti saranno in difficoltà (21%, 52 Votes)
  • No, poca o confusa (20%, 49 Votes)
  • Non so, non mi interessa (16%, 43 Votes)

Votanti: 251

Loading ... Loading ...

 

ottobre: 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Categorie

Commenti recenti

Link

L’Antitrust indaga sul regolamento edilizio pro Casaclima dell’ex assessore De Marzi? Ecco i fatti

agosto 8th, 2009

Ogni nodo giunge inesorabilmente al pettine! Questo è il pensiero di chi ha assistito all’annoso e vivace dibattito tra l’allora minoranza consigliare PdL e Lega (che denunciava l’illegittimità del regolamento edilizio proposto dall’allora assessore De Marzi) e la maggioranza guidata dall’ex Sindaco Fracasso, leggendo infatti l’edizione odierna del Giornale di Vicenza si apprende che l’Autorità Antitrust chiede spiegazioni in merito al regolamento edilizio incriminato per il fatto che l’agenzia Casaclima vi era stata inserita come unico ente autorizzato a rilasciare le certificazioni di risparmio energetico.

Il paradosso è che l’attuale maggioranza si trova a dover rispondere delle “magagne” di un regolamento di cui a suo tempo denunciò la probabile illegittimità, mentre l’allora assessore proponente De Marzi, evidentemente a corto di argomenti, pensa bene di “buttarla in politica” affermando al giornale: «Se qualcuno ha informato l’Antitrust, lo ha fatto solo per questioni politiche, non certo perché ha a cuore il risparmio energetico»

Quel che è certo è che l’ex Assessore De Marzi è sempre stato un convinto ammiratore del modello “Casaclima”, tanto da spingersi a promuoverne la partecipazione ai corsi a spese del Comune da parte dei dipendenti comunali e pure dei cittadini e a inserirlo come unico protocollo riconosciuto dal regolamento edilizio comunale, mentre noi ritenevamo (e riteniamo tuttora) che tale esclusività fosse lesiva della concorrenza (visto che il modello “Casaclima” della provincia di Bolzano non è l’unico esistente sul mercato!) e della libera scelta del cittadino che, a parità di risparmio energetico anche se ottenuto con altro protocollo, ha il sacrosanto diritto di vedersi riconosciuti gli incentivi che venivano garantiti a chi adottava il protocollo caro all’ex Assessore De Marzi.

L’inchiesta dell’Antitrust sembra darci ragione e, visto che non siamo in campagna elettorale e che tale Autorità non si fa certo condizionare dalle beghette politiche di periferia, invitiamo De Marzi a prendere finalmente sul serio le ragioni altrui e l’attuale Amministrazione a correggere gli eventuali errori passati.

Per chi volesse capirne di più senza doversi accontentare delle evidenti sintesi dell’una o dell’altra parte, forniamo di seguito gli articoli di giornale che si sono occupati della vicenda:

Giornale di Vicenza – Giovedì 09 Ottobre 2008, pagina 24
Vi-Energia contesta le regole sulla bioedilizia
L’accusa: «Si favorisce casaclima, noi non siamo da meno». Il sindaco: «Ci siamo affidati ai migliori»

Il risparmio energetico mette contro Comune e Provincia. Vi.Energia, la società interamente a capitale pubblico controllata dalla Provincia (96,4% delle quote) e dal Comune di Asiago (3,6%), ha presentato un ricorso al Presidente della Repubblica per chiedere l’annullamento del regolamento per l’edilizia sostenibile e il risparmio energetico del Comune di arzignano.
Motivo del contendere è la clausola del regolamento che chiede la certificazione del consumo energetico delle costruzioni da parte dell’agenzia di Bolzano casaclima per concedere sconti sugli oneri di urbanizzazione a chi costruisce secondo i criteri del risparmio energetico.
Il regolamento edilizio era stato oggetto di polemiche in febbraio in Consiglio comunale, quando dall’opposizione Lega Nord e Forza Italia presero di mira il riferimento alla certificazione con casaclima, proponendo di cancellarlo. Ora Vi.Energia, che con il progetto Ecodomus certifica il consumo energetico degli edifici e per questo è concorrente di casaclima, chiede l’intervento dei giudici: «Il nostro è un ricorso dovuto – spiega il presidente di Vi.Energia, Franco Miranda -. Per noi è stata una grandissima sorpresa quando abbiamo letto dell’obbligo sancito dal regolamento comunale di arzignano di certificarsi con casaclima. Perché hanno scelto quella società e non Vi.Energia che è totalmente pubblica ed è della Provincia? Il Comune deve limitarsi a dire che la certificazione deve rispettare i parametri stabiliti dalla legge e non scegliere l’ente certificatore. Abbiamo uno staff che comprende le università di Venezia, Padova, Trento e Trieste e l’Enea, siamo stati premiati dall’Anci regionale, e le tariffe per le certificazioni sono quelle di mercato. Ad oggi abbiamo già concluso 50 certificazioni per cento edifici, pari a circa 350 unità abitative. Non siamo sicuramente inferiori a casaclima».
Il sindaco Stefano Fracasso difende la scelta di affidarsi a casaclima: «In questo momento casaclima è riconosciuta come l’ente indipendente più esperto, con più di mille certificazioni, un master universitario e uno staff internazionale – spiega -. Vogliamo la certezza che chi chiede sconti per il basso consumo, effettivamente lo garantisca. Il nostro progetto è apprezzato dal ministero dell’Ambiente, che ci ha chiesto di entrare nella campagna europea per l’energia sostenibile, e ha creato grande interesse fra i professionisti e un’ottima risposta del mercato». (continua…)

La vittoria ad Arzignano? Nulla è dovuto al caso…

luglio 28th, 2009

Lo strano caso del dibattito pubblico declinato…

maggio 26th, 2009

Mi accingo a scrivere queste righe per un mero puntiglio di fronte ad una frottola che una pasionaria della controparte ha voluto scivere sulla mia bacheca senza manco verificare ciò che andava scrivendo, altrimenti me le sarei tenute per me, sapendo che quanto riporterò ha almeno 4 testimoni, compreso il direttore del Corriere Vicentino organizzatore del dibattito pubblico di cui in oggetto.

Ecco i fatti, poi ognuno si farà la propria opinione:

ore 12 di ieri, in sede del Corriere Vicentino ci troviamo su richiesta del direttore Stefano Cotrozzi per organizzare i dettagli del dibattito pubblico previsto a San Zeno in data odierna;

il direttore e Antonio De Santis (rappresentante del candidato Stefano Fracasso) propongono di modificare la formula già adottata nel precedente incontro di Castello perchè un po’ noiosa e suggeriscono di mantenere invariata la prima parte (15 minuti a testa con domande preparate sul programma) sostituendo la seconda con domande non comunicate preventivamente a tutti i candidati affinchè si preparino;

La nostra risposta è: non capiamo la ragione per cui cambiare in corsa il modello già adottato a Castello, ma di fronte alla richiesta e alle argomentazioni proponiamo in alternativa che le domande siano completamente sconosciute, ossia preparate dal pubblico o dallo staff “avversario” e somministrate dal giornalista ai candidati solo al momento della risposta, questa nostra disponibilità l’abbiamo formalizzata al direttore facendola anche riportare a verbale;

Risposta di De Santis: prendo tempo, devo comunicare con Fracasso e poi vi so dire.

Ore 14 circa, telefonata al direttore Cotrozzi da parte dello staff di Fracasso che declina l’incontro di San Zeno, noi manifestiamo ugualmente la disponibilità ad essere presenti ma il direttore ci comunica che in assenza dell’accordo di TUTTI i candidati decide come organizzatore di disdire il dibattito, tale decisione ci viene poi formalizzata con una e-mail nel corso del pomeriggio.

Quanto sopra credo renda un panorama chiaro e inequivocabile della nostra (e anche dell’altrui) volontà. Quindi, esperti di “rabaltafrittatismo applicato”, almeno questa volta, astenetevi da considerazioni temerarie! Please. :-)

Spazio di discussione sui programmi elettorali di Arzignano 2009-2014

maggio 20th, 2009

Care Amiche, Cari Amici, ci siamo!


Il “conto alla rovescia” per il rinnovo dell’Amministrazione comunale di Arzignano è già iniziato!

In questo spazio discuteremo i temi più appassionanti oggetto della campagna elettorale. E’ uno spazio aperto a tutti, ogni contributo è ben accetto.

Alcune premesse di metodo per illustrare il nostro percorso programmatico:

alcuni mesi fa abbiamo costituito dei gruppi di lavoro che hanno elaborato i temi segnalati dalla gente direttamente oppure attraverso strumenti web 2.0 quali per esempio www.sosarzignano.com ;

successivamente abbiamo redatto i grandi TEMI ispiratori su cui i nostri candidati si sono ritrovati ed hanno sottoscritto un PATTO PER ARZIGNANO;

in occasione della presentazione ufficiale delle liste abbiamo depositato il PROGRAMMA ELETTORALE che raccoglie il QUADRO GENERALE delle azioni che realizzeremo nei cinque anni di governo;

ma non finisce qua!

Adesso è il momento dei PROGRAMMI SPECIFICI, zona per zona, quartiere per quartiere, che abbiamo ritagliato sulle esigenze particolari delle variegate realtà di Arzignano. I candidati consiglieri di ogni zona si sono fatti carico di confezionarli e distribuirli personalmente, mettendo la propria faccia accanto a quella di Giorgio Gentilin. Li stiamo illustrando giorno dopo giorno nelle piazze, tra la gente, come si faceva una volta, senza filtri e senza mediazioni. Abbiamo cominciato ieri alle Tezze, oggi saremo a Restena e via via in tutto il resto della città.
Abbiamo così realizzato un programma integrato e composto di GRANDI TEMI IDEALI (perchè le persone senza ideali non contano e agiscono “qual piume al vento del potente di turno…”!), di un PROGRAMMA ELETTORALE GENERALE con i macro-temi di azione (perchè servono pochi ma solidi punti di riferimento che non riducano i programmi ai soliti “libri dei sogni e delle promesse mai realizzate…) ed infine ad un PROGRAMMA SPECIFICO zona per zona, in cui Giorgio Gentilin spende la propria faccia direttamente tra la gente e nelle piazze, fatto anche di piccoli interventi, che sono stati trascurati perchè non creano popolarità e titoloni sui giornali ma migliorano la qualità della vita di chi li aspetta pazientemente. Scopriamoli giorno per giorno, sono parte integrante del nostro impegno, li pubblichiamo anche se nessuna legge ce lo imporrebbe perchè abbiamo idee ed entusiasmo per impegnarci solennemente con gli arzignanesi.

Buona campagna a tutti e… riportiamo il sorriso ad Arzignano! :-)

NETIQUETTE: tutti i commenti verranno pubblicati entro due ore, salvo quelli contenenti un linguaggio scurrile o contrastante con le normali regole di dialogo delle comunità web 2.0. Buona navigazione!

Anche il Corriere Veneto presenta la campagna elettorale di Arzignano

maggio 11th, 2009

Arzignano: le imminenti elezioni accelerano i tempi ed il Consiglio approva il Piano degli Interventi urbanistici dopo 4 anni dall’inizio dell’iter

marzo 14th, 2009




Collegati alla pagina di Youtube

pagina youtube andrea pellizzari



Collegati alla pagina di Facebook

pagina youtube andrea pellizzari




Andrea Pellizzari Giovani


Sky3c Sponsored by Web Hosting